CARTA A BANDA MAGNETICA

Carte dotate di una banda magnetica per la registrazione dei dati, il cui tracciato è stato concordato in sede internazionale. Su di esse sono registrabili fino a tre tracce affiancate per il senso della lunghezza. Normalmente nelle applicazioni finanziarie vengono utilizzate le tracce due e tre, mentre la traccia uno viene utilizzata per applicazioni di altro genere. La traccia due è utilizzata in sola lettura (cioè i terminali in cui viene introdotta la carta hanno soltanto la capacità di leggerla, non di riscriverla) mentre la traccia tre viene utilizzata in lettura e in scrittura. Sulla stessa carta le tracce due e tre possono essere utilizzate contemporaneamente, permettendo così l’utilizzo della stessa carta per applicazioni diverse: p.e. la stessa carta può essere contemporaneamente sia una carta di credito sia una carta di debito, avendo assegnato ciascuna delle funzioni ad una specifica traccia. La scelta dell’applicazione viene fatta dal cliente ovvero è determinata dal tipo di apparecchiatura in cui viene utilizzata la carta. A questo tipo di carta utilizzabile in applicazioni diverse viene dato il nome di carta multiapplicazione (anche di carta multifunzione). Esse sono le più diffuse, essendo tra l’altro quelle di più antica introduzione. Esistono anche altri standard, p.e. quello francese adottato per la carta delle autostrade, operanti con due sottili strisce magnetiche affiancate, ma la loro diffusione è molto minore. Esse tendono a essere sostituite dalla carta a circuito integrato e dalla carta laser, tecnologie molto più potenti, versatili e sicure.

  • Privacy Policy
  • Cookie Policy
  • Publication Ethics and Malpractice

Copyright © 2019 ASSONEBB. All Rights reserved.

Menu
×