FONDI SPECULATIVI

Fondi simili agli hedge funds (q.v.) americani e inglesi, disciplinati nel nostro Paese dal regolamento emanato con d.m. Tesoro 24.5.1999 n. 228. Possono essere costituiti in forma aperta o chiusa, per i quali il regolamento può fissare norme prudenziali di contenimento e frazionamento del rischio diverse da quelle stabilite in via generale dalle disposizioni di Banca d’Italia. Per richiamare l’attenzione degli investitori e assicurare la consapevolezza degli stessi sull’elevato contenuto di rischio di questi fondi, è previsto un elevato taglio delle quote minime (non inferiore a un milione di euro), l’impossibilità di essere oggetto di sollecitazione all’investimento oltre che l’obbligo della menzione nel regolamento del fondo del grado di rischiosità dell’investimento. La disciplina è ripresa da quella degli hedge funds statunitensi.