DEPOSIT BROKERAGE

  • Stampa

Attività svolta da intermediari specializzati, conosciuti come deposito money brokers, mirante a facilitare l’incontro tra banche emittenti negotiable certificates of deposit e potenziali sottoscrittori sul mercato statunitense, sia nel segmento istituzionale (interessato a certificati di taglio superiore a 100.000 dollari) che su quello privato (interessato a tagli minori). Allo stato attuale le forme di brokeraggio a disposizione degli operatori sono essenzialmente tre: simple-brokerage, deposit-listing services e participation program. La prima può a sua volta assumere differenti configurazioni e, nel caso più diffuso, prevede il collocamento diretto dei fondi dell’investitore presso la banca emittente indicata dal broker come quella maggiormente ìn grado di soddisfare le sue esigenze in base alle condizioni negoziali offerte. In altri casi, l’investitore può trasferire i propri fondi al broker, il quale a sua volta li accredita alla banca emittente con contestuale sottoscrizione di certificati intestati al broker in qualità di agente dell’investitore stesso. La seconda forma comporta la mera gestione del flusso informativo che dagli emittenti deve scorrere verso i potenziali sottoscrittori. Il broker mette dunque a disposizione degli investitori interessati una panoramica di dati afferenti alle caratteristiche delle emissioni disponibili, in termini di taglio, rendimento, durata, scadenza ecc Il broker trasmette l’eventuale ordine di acquisto alla banca emittente e il contratto viene eseguito direttamente tra le controparti. Con il participation program, infine, il broker svolge parallelamente anche attività di dealer in quanto sottoscrive certificati in proprio e cede in un secondo momento quote partecipative agli investitori interessati. In questo caso il broker-dealer è intestatario, quantunque solo a livello formale, dei certificati cui si riferiscono le quote di partecipazione cedute.