DECRETO EURO

Denominazione abbreviata del d.lg. 24.6.1998 n.213 (“Disposizioni per l’introduzione dell’EURO nell’ordinamento nazionale, a norma dell’articolo 1, comma 1, della legge 17 dicembre 1997, n. 433”, pubblicato nella GU n. 157 dell’8 luglio 1998, Suppl. Ord. n. 116). Il decreto ha regolato la conversione dei parametri di riferimento in materia creditizia cessati in seguito all’avvio del SEBC (p.e. il tasso ufficiale di sconto); i criteri di calcolo della conversione delle lire in euro, compresi gli importi in lire contenuti nella legge italiana, la ridenominazione in euro degli strumenti finanziari di debito (pubblici e privati); i criteri da seguire nel passaggio all’euro come moneta di conto nelle imprese, con disposizioni speciali per le banche, le società finanziarie, le compagnie di assicurazioni, i fondi pensione, la pubblica amministrazione; la dematerializzazione; i criteri di calcolo della conversione in euro sanzioni pecuniarie espresse in lire.