DEALER

Intermediario specializzato nell’effettuare operazioni di compravendita in proprio sui mercati secondari organizzati (cambi, titoli, commodities ecc.), la cui remunerazione è costituita dalla differenza (spread) spuntata fra i prezzi di acquisto (prezzi denaro) e quelli di vendita (prezzi lettera). La presenza dei dealers è fondamentale per assicurare la liquidità dei mercati, giacché essi si impegnano a concludere transazioni nei confronti di controparti a prezzi prestabiliti e vincolate a tempi di negoziazione immediati, consentendo di colmare gli squilibri temporanei tra i volumi degli acquisti e delle vendite che si possono formare per la casualità con la quale affluiscono sul mercato le transazioni degli operatori con esigenze opposte di liquidità. La liquidità, in particolare, dipende essenzialmente dalle dimensioni delle “scorte” dei dealers, le quali funzionano infatti da ammortizzatori delle temporanee variazioni nella domanda e nell’offerta, attenuando le fluttuazioni dei prezzi e limitandone i rischi di instabilità.