VALORE DI NON USO

  • Stampa

Il valore di non uso di un bene corrisponde al beneficio prodotto dallo stesso bene come conseguenza di predisposizioni e comportamenti del soggetto economico non direttamente legate all’uso del bene. È definibile come la quantità di moneta che si è disposti a pagare per avere l’opportunità di fruizione del bene per sé o per altri  o per l’esistenza stessa del bene, oppure la maggiore quantità di moneta che una persona è disposta a pagare per il bene, rispetto all’ammontare  di moneta effettivo che deve pagare per avere l’opportunità dell’uso del bene o perché l’esistenza  del bene stesso sia comunque assicurata.
Redattore: Carmen NOTARO
© 2011 ASSONEBB