TASSO UFFICIALE SULLE ANTICIPAZIONI

Tasso d’interesse applicato dalla Banca d’Italia alle operazioni di rifinanziamento delle banche che avvenivano sotto forma di anticipazione in conto corrente o a scadenza fissa. In Italia il tasso veniva variato con decreto del Tesoro, su proposta del Governatore della Banca d’Italia. Questo tasso d’interesse presentava un meccanismo di penalizzazione che consisteva in una maggiorazione da applicarsi automaticamente a seconda della frequenza con cui la singolabanca poneva in essere l’operazione. Ciò per disincentivare il ricorso automatico all’anticipazione e per sensibilizzare maggiormente le banche ad una più attenta gestione della loro liquidità. La variazione di questo tasso ufficiale era un segnale importante soprattutto per le banche. Molti degli effetti prodotti da una sua manovra sono simili a quelli sul tasso ufficiale di sconto.