TASSO DI CAPITALIZZAZIONE TITOLI

Rapporto percentuale tra l’interesse o il dividendo annuo prodotto da un titolo ed il suo valore capitale al prezzo di mercato. Nell’ipotesi di un titolo obbligazionario del valore nominale di € 1.000, emesso al 2,50% annuale e quotato 1.100, il tasso di capitalizzazione sarà espresso dal rapporto: 250/1.100 = 0,0227 = 2,27%. Chiamato anche tasso di rendimento immediato, esso rappresenta, con una certa approssimazione, il reddito percentuale realmente prodotto dall’impiego della somma necessaria per acquistare il titolo sul mercato in un certo istante; per ottenere il saggio effettivo di rendimento occorre in realtà tener conto di molte altre componenti, quali: premi, differenze di rimborso, plusvalenze di capitale ecc Nel campo del reddito fisso, il tasso di capitalizzazione costituisce il parametro in base al quale vengono operate le più elementari scelte d’investimento fra titoli diversi. Il tasso di capitalizzazione risulta più elevato del tasso nominale se il titolo è quotato alla pari, inferiore in caso di quotazione sopra la pari. Per le azioni, il saggio in questioneè un dato puramente presuntivo, poiché viene calcolato in base all’ultimo dividendo distribuito, non conoscendosi l’entità di quello relativo all’esercizio in corso.