STELLAGE

Varietà di contratti a premio con il quale uno dei contraenti paga o si obbliga a pagare un premio per avere la facoltà, alla scadenza determinata, di scegliere la posizione di compratore o di venditore di una specie e quantità di titoli al prezzo prestabilito. Viene anche detta a doppia facoltà, oppure contratto a premio composto stellage. A differenza del dont, dove si può scegliere se ritirare i titoli o abbandonare il premio, nello stellage il compratore del premio non può recedere, ma deve comunque eseguire il contratto stipulato. Lo stellage si conclude sempre in un acquisto o una vendita dei titoli che sono oggetto del contratto. Chi si riserva la facoltà di scelta, cioè il compratore, prevede un mercato con probabile prevalenza di una delle due tendenze, ma con incertezze sulle forze al rialzo o al ribasso che potranno decidere la situazione. Il venditore del premio prevede invece equivalenza nel contratto e quindi nessuna prossima decisiva tendenza. In Italia è di applicazione limitata, mentre è abbastanzadiffusa nelle borse estere; in Francia assume il nome di option ed in Gran Bretagna quello di put and call. Attualmente i contratti a premio sono negoziati in un apposito comparto della Borsa denominato Mercato telematico dei contratti a premio (MPR).