SPILLOVER EFFECTS

Lett. effetti di diffusione (da to spill: versare); anche spillover, spillovers, tr. in it. con “traboccamento”. Effetti benefici indotti in una certa parte del territorio o ambito amministrativo da attività (specialmente consistente in spese pubbliche) svolta in altra parte o in altro ambito amministrativo. È un caso particolare di esternalità connesso all’esistenza di numerosi centri di decisione e di spesa autonomi (Stato, Regioni, enti locali ecc.) di modo che l’ambito dell’ente o del programma cui compete il costo non coincide con quello di diffusione del beneficio con la conseguenza, spesso, sfavorevole che l’impegno di spesa e il servizio corrispondente tende a essere inferiore a quello necessario per un’azione efficiente ed efficace. P.e. le spese antinquinamento sostenute da un Comune sono di beneficio anche di altri Comuni, ma possono essere inadeguate per estirpare la causa dell’inquinamento che risiede anche in aree più o meno limitrofe e anche lontane. Un rimedio è quello della costituzione di consorzi o di altre forme di organizzazione del servizio tali da coinvolgere tutta l’area interessata dall’inquinamento. Il termine spillover è impiegato in economia anche per indicare lo squilibrio diffuso da un mercato all’altro.