SPEZZATURA

  • Stampa

Quantitativo di titoli che non raggiunge un lotto minimo (v. lotto di titoli) di negoziazione sul MTA o sul Mercato Expandi,ovvero la quantità minima, per importo, di negoziazione dei titoli a reddito fisso. Una spezzatura nasce in seguito a operazioni di raggruppamento di azioni o di aumento di capitale con formazione di resti (p.e. l’assegnazione di 2 azioni ogni 10 attribuisce 200 azioni al possessoredi 2.000 azioni; le azioni assegnate sono una spezzatura se 200 è inferiore in quantità al lotto minimo), oppure da una modifica del lotto minimo, o ancora in seguito all’esecuzione di contratti relativi a strumenti derivati (p.e. si esercita un’opzione avente come sottostante una quantità di titoli diversa dal lotto minimo negoziabile sul mercato di riferimento). Anche le spezzature dello MTA e del Mercato Expandi (costituite da azioni, warrant. diritti. obbligazioni convertibili e altri titoli ivi trattati) sono trattate in borsa e dal 17.10.1994 nello speciale segmento dello MSP (Mercato delle spezzature). Le proposte di negoziazione possono essere specificate con la modalità di esecuzione valida fino alla data specificata (VSD), per cui la parte ineseguita della proposta rimane eseguibile anche nei giorni successivi fino alla data di scadenza indicata, con la priorità temporale della proposta originaria. In assenza della specificazione VSD, una proposta di negoziazione assume automaticamente la modalità “esegui e cancella”: la proposta è eseguita per la quantità disponibile e l’eventuale parte ineseguita è cancellata (modalità EOC cioè esegui o cancella). Le spezzature possono essere immesse in negoziazione solo senza limite di prezzo (al meglio  secondo la terminologia tradizionale). Nemmeno è ammesso il parametro TON (tutto o niente).Il prezzo di esecuzione di tutti i contratti è quello di apertura che si registra nel medesimo giorno sul mercato nel quale sono negoziate le partite regolari relative al titolo di riferimento. Pertanto, i contratti vengono eseguiti solo se viene determinato un prezzo di apertura ed il titolo non è sospeso. Nel caso di pluralità di quotazioni di apertura sul medesimo titolo, il controvalore da utilizzare per la conclusionedei contratti sul mercato MSP è il primo prezzo di apertura. Per agevolare le negoziazioni sui mercati di riferimento (borsa e ristretto) agli intermediari autorizzati è consentito raggruppare ordini relativi a spezzature ricevuti da più clienti fino a concorrenza del lotto minimo, che può essere quindi immesso sul sistema telematico di borsa. Dal 28.12.1998 le spezzature di azioni, obbligazioni convertibili e warrant sono negoziate sullo MTA (Mercato Telematico Azionario) senza l’intervento degli specialisti, durante l’intera seduta di Borsa, ma sono visualizzatee partecipano alla negoziazione della sola asta di apertura. Dal 1995 esse erano negoziate su un mercato ad hoc attraverso l’intervento diun intermediario specializzato nella negoziazione in proprio di spezzature e impegnato a sottoscriverne lo sbilancio, ovvero il saldo in acquisto o in vendita delle proposte rimaste ineseguite, per un determinato importo calcolato in funzione delle caratteristiche del titolo. Le nuove modalità di negoziazione rispondono all’esigenza di unificare gli scambi sullo stesso sistema telematico, rendendolo più efficiente attraverso il contenimento dei costi di gestione e la riduzione della permanenza degli ordini sul mercato. L’abolizione del lotto minimo per azioni e fondi chiusi (dal 14.1.2002) ridurrà alquanto la formazione di spezzature.