SOMMINISTRAZIONE

Contratto di durata per mezzo del quale uno dei contraenti, dietro corrispettivo, s’impegna nei confronti dell’altro ad una prestazione periodica o continuata di cose. La specie più comune di tali contratti è rappresentata dalla somministrazione di acqua, gas, telefono, energia elettrica e simili. La determinazione della quantità della prestazione spetta generalmente all’avente diritto; tuttavia, quando nessuna pattuizione è stata concordata, si fa riferimento al normale fabbisogno dell’avente diritto. Il prezzo, nelle prestazioni periodiche, è dovuto al momento della prestazione, in quelle continuate alle scadenze usuali. Affinità intercorrono tra questo contratto e quello di vendita a consegne ripartite; ma, mentre nella vendita si ha una sola prestazione che però viene frazionata nell’esecuzione, nella somministrazione si hanno prestazioni successive di uguale contenuto e di uguale prezzo. Spesso nella somministrazionesi trova inserita una clausola di esclusiva, che consiste nell’obbligo che il somministrato assume verso il somministrante di non rivolgersi per l’acquisto dello stesso genere di cose ad un’impresa concorrente. Questa clausola non opera nei rapporti relativi ai servizi essenziali (acqua, gas, energia elettrica).