REVERSE REPURCHASE AGREEMENT

Operazione di pronti contro termine effettuata dai dealer sul mercato americano dei titoli di Stato per impiegare a tassi competitivi le eccedenze temporanee di fondi. Differisce dal repurchase agreement (repo) in quanto gli operatori che la promuovono si pongono come acquirenti a pronti di titoli. Nell’ipotesi in cui un operatore si ritrovi con un surplus transitorio di fondi, esso pone in essere un repurchase agreement con l’impiego simultaneo di tali capitali attraverso la conclusione, a tassi impliciti più alti, di un reverse repurchase agreement con un altro cliente (matchedbook repurchase agreement). Tali operazioni sono largamente utilizzate poiché consentono di realizzare profitti aggiuntivi rispetto al margine denaro-lettera spuntato nella tradizionale attività di trading.