REGISTRO NAVALE ITALIANO

In sigl: RINA. Ente la cui istituzione risale, con la diversa denominazione di Ufficio del registro per la classificazione dei bastimenti, al r.d. 29.9.1870 n. 5900, e che è stato disciplinato poi da numerose successive leggi, fra cui il d.lg.c.p.s. 22.1.1947 n. 340, nel cui art. 4 sono indicati gli scopi dell’istituto. Questi scopi consistono essenzialmente nella sorveglianza delle costruzioni navali e nel collaudo dei materiali riguardanti le costruzioni, nei collaudi periodici, oltre che nel rilascio dei certificati attestanti la sussistenzadei requisiti di legge e di regolamento per la navigazione. Il valore tecnico delle navi viene espresso, nel registro, in “classi”.