ORDINE DI CONSEGNA

Documento attraverso il quale il possessore di una polizza di carico dispone della merce da questa rappresentata a favore di terzi, ordinando al capitano della nave di consegnare la merce al titolare dell’ordine stesso. Viene utilizzato in caso di vendita della merce durante il viaggio a più compratori parziali, attraverso il frazionamento della polizza di carico in una serie di documenti intestati agli acquirenti. L’emissione di ordini di consegna, secondo quanto stabilito dal codice della navigazione, è obbligatoria quando sia stata prevista nel contratto di trasporto. La richiesta spetta a chi ha diritto di disporre delle merci a mezzo del titolo. A seconda del procedimento seguito nell’emissione di ordini di consegna (delivery orders), questi vengono detti propri o regolari ed impropri o irregolari. Nel primo caso sono emessi o vistati dal vettore o dal raccomandatario, nel secondo sono redatti dal possessore della polizza di carico e mancano del predetto visto. Sull’ordine di consegna, in genere, si richiamano le condizioni della polizza, con la conseguenza che il possessore dell’ordine di consegna rimane vincolato alle stesse. Sono titoli rappresentativi delle merci viaggianti al pari della polizza e consentono pertanto la negoziazione del carico. Con altro significato l’espressione è usata nel diritto processuale civile per indicare l’ordine (detto anche di rilascio) impartito dal giudice al debitore, nell’esecuzione forzata individuale o concorsuale di consegnare al creditore una cosa di specie (cioè determinata), oggetto dell’esecuzione medesima.