OECE

Acr. di: Organizzazione Europea per la Cooperazione Economica (fr. Organisation Européenne de Coopération Économique-OECE;ing. Organization for European Economic Cooperation- OEEC). L’OECE era un’organizzazione internazionale istituita dalla convenzione firmata a Parigi il 16.4.1948 da 17 Stati Europei: Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania (sottoscrizione apposta dalle tre Potenze occupanti), Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lussemburgo, Norvegia, Olanda, Portogallo, Svizzera, Svezia e Turchia. Nel 1959 si è aggiunta l’adesione della Spagna. L’istituzione dell’OECE era legata anche alla ripartizione degli aiuti del Piano Marshall (v. ERP) e aveva in più l’obiettivo per i Paesi membri di sviluppare gli scambi di beni e servizi, di realizzare un regime di pagamenti unilaterali e di cooperare per attenuare le restrizioni agli scambi e ai pagamenti reciproci. L’OECE costituiva nelleintenzioni originarie un polo di attrazione per l’avvio e il supporto di un processo di integrazione europea. L’Organizzazione non era però dotata di poteri autonomi e ogni decisione doveva essere presa all’unanimità. Per questo motivo il Piano Marshall ha finito per essere amministrato dall’US Economic Cooperation Administration e l’OECE si è limitata a essere un forum di discussione per le riduzioni tariffarie, poi realizzate in sede GATT, per la formazione di accordi economici. Risale in proposito al 1950 la stipula della convenzione sull’UEP (Unione europea dei pagamenti). Nel 1961 l’OECE si è trasformata nell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE), solo consultiva, propositiva e di studio, senza poteri di decisione.